Caccia alla struttura

Esperimento interessante di una blogger americana: http://borschtwithanna.blogspot.com/2017/03/task-makeover.html

E’ relativo all’efficacia dell’approccio nella presentazione del problema agli studenti: c’è la versione formale e quella che fa leva su una storia.

C’è poi una bella discussione sul blog di Dan Meyer circa l’opportunità di impegnarsi a ingaggiare i ragazzi. Vale la pena di leggerla.

Forse si potrebbero proporre entrambe le strade prima la seconda e poi l’originale per acchiappare tutti gli studenti senza perdere di vista l’idea che l’obiettivo è la matematica e non la passione per la matematica. Però non è facile stabilire cosa sia giusto. Ci vorrebbe un feedback puntuale sull’esito universitario e nella vita dei nostri studenti. Quello che tutti sappiamo è che per uno studente è tanto facile arrendersi in matematica.

A me pare che ci sia speranza di tenere accesa la fiammella solo fintanto che ci si prova con passione. Così dico a me stessa (per consolarmi?) che se riuscirò a lavorare con passione, cercando di parlare davvero ai miei ragazzi, allora loro se ne accorgeranno e vedranno che ci si può divertire a fare matematica. Così magari non scarteranno la possibilità di riuscirci anche loro, anche a dispetto delle mie goffaggini didattiche.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in quadrilateri, Strutture e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...