Uda biennio o clil quinta?

Da Ted-ed un video per flipped classroom (o simili) su uso delle matematica nel calcolo delle popolazioni e con l’obiettivo di razionalizzare l’utilizzo delle risorse scarse Occasione per presentare la non citata la teoria dei giochi e fiducia nella capacità  dell’uomo di trovare soluzioni comuni.

Per l’uda biennio o per Clil in quinta: the tragedy of the commons?

Annunci
Pubblicato in Teoria dei giochi | Lascia un commento

I simboli matematici

Da dove provengono e che fine comune hanno?

Video di Ted-ed adatto alle classi prime: sollecitazione sulla sintassi

Pubblicato in Aritmetica, convenzioni di notazione | Lascia un commento

Pratiche di ripescaggio

Ci sono ricerche che sostengono che si consolidino molto meglio i contenuti chiedendo agli studenti di tirare fuori quello che hanno già nella testa piuttosto che cercare nuovi modi di ficcargli dentro quello che gli abbiamo già detto.

https://www.cultofpedagogy.com/retrieval-practice/

Approfondimento qui: http://www.retrievalpractice.org/

Pubblicato in Didattica, metodi | Lascia un commento

Funzioni invertibili

Da undergroundmathematics:

https://undergroundmathematics.org/combining-functions/making-inverse-functions

https://undergroundmathematics.org/combining-functions/invertibles

 

Pubblicato in dominio | Lascia un commento

Integrali

Attività di Undergroundmathematics:

https://undergroundmathematics.org/product-rule/integral-chasing-2

e più in generale gli integrali: https://undergroundmathematics.org/product-rule

 

Pubblicato in integrali | Lascia un commento

Raggruppamenti di sequenze

Attività proposta da underground mathematics

https://undergroundmathematics.org/sequences/sort-it-out

 

Pubblicato in sequenze | Lascia un commento

Lezione partecipata. Sì, ma quanto?

Riassumo quello che ho imparato oggi per impararlo meglio.

Non sono l’unica che si entusiasma quando 5 o 6 studenti partecipano attivamente alla lezione. E nemmeno sono l’unica a credere che questa sia una lezione partecipata. Eppure 5 o 6 studenti sono solo il 25% della classe. https://www.cultofpedagogy.com/fisheye/

Invece dovrei impegnarmi di più anche con gli altri (inspire=to make someone want to do something):

  • studiare attività in cui gli studenti partecipano in modo anonimo e quindi anche i più timidi non si eclissano (software e Lim ad esempio classkick)
  • far lavorare i ragazzi a gruppi o in coppia in modo che siano costretti a discutere fra loro (che fa meno paura)
  • far condurre la lezione agli studenti (ci può essere più di un insegnante in ogni classe)

  • sdrammatizzare l’errore e renderlo anzi desiderabile per ragionarci su ed imparaer meglio. https://www.teachingchannel.org/videos/class-warm-up-routine

D’altra parte una ricerca americana sulle competenze più apprezzate nelle persone da assumere o negli studenti universitari da ammettere mette l’abilità di comunicare a voce o per iscritto ai rpim posti fra i desiderata, al di sopra anche della capacità di lavorare in gruppo o di saperla lunga in fatto di informatica. https://twitter.com/ddmeyer/status/897949588249640960/photo/1?ref_src=twsrc%5Etfw&ref_url=http%3A%2F%2Fblog.mrmeyer.com%2F2017%2Fthree-opportunities-for-free-online-professional-development-that-start-today%2F

Ma come fare a trovare ispirazione? Parrebbe che lo studio individuale dell’insegnante solitario non sia la scelta più efficace. Meglio, molto meglio trovare dei colleghi elettivamente affini ed organizzare con loro incontri periodici, magari settimanali, durante i quali scambiarsi idee, frustrazioni e domande. Qualcuno chiama questi incontri Marstermind https://www.cultofpedagogy.com/educator-mastermind/

Chissà se questo bisogni di crescere in compagnia non sia proprio la ragione per cui la formazione personalizzata, così promettente in teoria, non produce ancora risultati. Forse le manca quella componente di socialità che pur con tutti i suoi limiti la lezione di classe ha. https://www.edsurge.com/news/2017-08-11-where-we-went-wrong-atlanta-educators-reflect-on-failed-tech-implementation

 

Pubblicato in Didattica, motivazione | Lascia un commento