Motivazione tramite la valutazione

Motivazione tramite la valutazione

Se l’obiettivo che mi è stato affidato è quello di ottenere che a giugno tutti o quasi i miei studenti siano realmente pronti ad affrontare la matematica dell’anno successivo, lo stile di verifica che ho ereditato dai miei professori di una volta e che io stessa ho a lungo replicato è votato al fallimento, anche solo per questioni statistiche.

Mi propongo dunque di non valutare più un ragazzo attraverso la media dei voti che ha ottenuto nelle verifiche del secondo periodo (eventualmente un po’ corretta per tenere conto del primo periodo), ma facendo la media del miglior voto ottenuto in ciascun tema affrontato nell’anno.

Dovrò perciò collegare rigidamente ogni voto ad un contenuto e gestirne l’aggiornamento durante l’anno.

Dovrò inoltre organizzare verifiche che contengano:

  • una sezione “corrente di base” relativa ai fondamenti di ogni nuovo contenuto
  • una sezione “corrente avanzata” relativa ai temi difficili del nuovo contenuto
  • una sezione “storica di base” relativa ai fondamenti di uno o più  vecchi contenuti
  • una sezione “storica avanzata” relativa ai temi difficili di uno o più  vecchi contenuti

Va da sé che le prove dovranno essere numerose: una ogni 7 ore di lezione non sarebbe una cattiva idea. Ho calcolato che questo si tradurrebbe in 18 prove all’anno per le classi con 4 ore la settimana e 13 prove all’anno per le classi con 3 ore la settimana.

Di conseguenza dovrò organizzare il piano di lavoro delle diverse classi in modo che l’intero programma sia suddiviso nell’opportuno numero di nuovi contenuti.

Dovrò inoltre rendere esplicito il fatto che le nuove prove sui vecchi temi valgono solo se migliorano l’esito della prova precedente: chi accetterebbe di affrontare così tante prove, altrimenti? Inoltre: chi rischierebbe un 6 per provare ad ottenere un 7, un 7 per un 8 oppure un 5 per un 6? Ho già abbondantemente verificato che la garanzia di non peggioramento del voto conduce quasi sempre a stupefacenti progressi.

Questa voce è stata pubblicata in Didattica, motivazione, valutazione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...