Lezione partecipata. Sì, ma quanto?

Riassumo quello che ho imparato oggi per impararlo meglio.

Non sono l’unica che si entusiasma quando 5 o 6 studenti partecipano attivamente alla lezione. E nemmeno sono l’unica a credere che questa sia una lezione partecipata. Eppure 5 o 6 studenti sono solo il 25% della classe. https://www.cultofpedagogy.com/fisheye/

Invece dovrei impegnarmi di più anche con gli altri (inspire=to make someone want to do something):

  • studiare attività in cui gli studenti partecipano in modo anonimo e quindi anche i più timidi non si eclissano (software e Lim ad esempio classkick)
  • far lavorare i ragazzi a gruppi o in coppia in modo che siano costretti a discutere fra loro (che fa meno paura)
  • far condurre la lezione agli studenti (ci può essere più di un insegnante in ogni classe)

  • sdrammatizzare l’errore e renderlo anzi desiderabile per ragionarci su ed imparaer meglio. https://www.teachingchannel.org/videos/class-warm-up-routine

D’altra parte una ricerca americana sulle competenze più apprezzate nelle persone da assumere o negli studenti universitari da ammettere mette l’abilità di comunicare a voce o per iscritto ai rpim posti fra i desiderata, al di sopra anche della capacità di lavorare in gruppo o di saperla lunga in fatto di informatica. https://twitter.com/ddmeyer/status/897949588249640960/photo/1?ref_src=twsrc%5Etfw&ref_url=http%3A%2F%2Fblog.mrmeyer.com%2F2017%2Fthree-opportunities-for-free-online-professional-development-that-start-today%2F

Ma come fare a trovare ispirazione? Parrebbe che lo studio individuale dell’insegnante solitario non sia la scelta più efficace. Meglio, molto meglio trovare dei colleghi elettivamente affini ed organizzare con loro incontri periodici, magari settimanali, durante i quali scambiarsi idee, frustrazioni e domande. Qualcuno chiama questi incontri Marstermind https://www.cultofpedagogy.com/educator-mastermind/

Chissà se questo bisogni di crescere in compagnia non sia proprio la ragione per cui la formazione personalizzata, così promettente in teoria, non produce ancora risultati. Forse le manca quella componente di socialità che pur con tutti i suoi limiti la lezione di classe ha. https://www.edsurge.com/news/2017-08-11-where-we-went-wrong-atlanta-educators-reflect-on-failed-tech-implementation

 

Questa voce è stata pubblicata in Didattica, motivazione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...